Tari ridotta in caso di disservizio

Dopo l’ordinanza della Cassazione n. 22531 del 2017, anche la Commissione Tributaria Provinciale ha ribadito questo concetto: infatti, con la recente sentenza n. 6269/41/2018 ha stabilito che in grave disservizio nella raccolta dei rifiuti, comprovata da diffide scritte al comune e all’azienda incaricata del servizio, unitamente a rilievi fotografici, il contribuente ha diritto ad una riduzione della tariffa dovuta pari al 50%.

Soddisfazione è stata espressa dalle associazioni di consumatori che da anni denunciano le gravi irregolarità nell’applicazione della tassa dei rifiuti da parte di molti comuni.